Lunghe trasferte e treni sfasciati. Racconti di sport, Racconti sullo sport, Racconti per lo sport, Racconti di calcio, Racconti di sci, Racconti di pallavolo, Racconti di basket, Racconti sulla montagna, Racconti sullo scalatore, Racconti di nuoto, Racconti sul campione del mondo. ... per lo sport,per l'amicizia,per la convivialità,in fondo per il … Antonio vede già il campione con una tuta color Ferrari, su una monoposto al posto del blasonato pilota tedesco. Amava dire che una squadra di calcio È come un gruppo di operai Dove emerge il numero 10 (come RIVERA) Specializzato in arte. Anche se il colore non è più quello. Ciao Ruggero. A catturare dentro la vignetta di un fumetto, lo spettro della violenza e non farlo uscire più! Io dico basta a chi va allo stadio con il serramanico, a chi si crede libero rendendo schiavo un altro. Ka ora, Ka ora! Pietro Treccani Il rito dell’equitazione, la sacralità del cavallo e la misticità del fantino, racchiusi in un tutt’uno, come un corpo solo, un centauro di armonia. Una luce si accende, si parte! Prigionieri di allibratori senza scrupoli, simili a squali. Lascia alla grande Il combattente, Una vita bruciata Fuggendo dai fantasmi. La legge quasi lo scagiona, in fondo è un burlone, gli piace giocare, non è cattivo, adora i fuochi d’artificio, il pirotecnico fanciullo. Ciao Sandro. Le sillabe si inceppano, le parole non escono, arida è la poesia, resta solo l’atroce atto e la sua condanna… ma che bravo ragazzo. La sfera di cuoio spicca veloce tra il palo e la traversa, centra alfine il minuto bersaglio penetrando nella rete. Oppure sguainiamo la nostra spada e la nostra penna per condannare con sdegno sincero e profondo la folle violenza negli stadi, le casacche falun rovescio contro l’impossibile in Coppa Davis, la sciolta pedalata di Coppi, la buca della vita sul verde campo da golf, la campana del ring e tanti altri esempi dove tutto diventa se di atleti tinti di nandrolone e doping, le urla razziste dagli spalti e l’agonismo esasperato che distrugge lo sport. Ricordo quando l'hai venduto; quando ti sei tolto il suo zaino per prendere la croce e l'hai portata, sorridendo, per anni, finché un giorno nel bagno ho trovato soltanto il tuo corpo crocifisso. È un rito che si ripete, la fantasmagorica corrida di colori li affascina e diverte, ogni anno la magìa li avvolge, avvince è il Tour de France. Trepido seguo il vostro gioco. Sono state queste le ultime parole di Larry Swearingen, 48 anni, condannato a morte con iniezione letale.. L’uomo, che si era sempre professato innocente, ha trovato la morte nella prigione di Stato di Huntsville in Texas. Maurizio Spagna - Rolo (R.E.) In questi giorni la nuova edizione della Grande Boucle inizia, per la novantaduesima volta, la festa finale ai Champs-Elysée, decreterà il vincitore. Questa orrenda fuliggine non può però offuscare la luminosa limpidezza del calcio, questo delizioso rito che si perpetua in tutti i campi d’Italia e affascina, maliardo, milioni di persone. (Ermanno  Eandi) Marco Pantani Con il volto affilato, la bandana sul capo e il ghigno acerbo dal sapore di fatica e salita, s’involava nella strada dell’immensa gloria. Questi scandali sono una inestetica bruttura, un bubbone, da eliminare e cauterizzare. I sogni si stringono e stritolano la vita. Altre storie di sport sullo stesso argomento. Il Filadelfia è tutto in piedi una tromba suona nella tristezza, Valentino si rimbocca le maniche li chiama con voce soave: Matteo, Eusebio… tutti in posa per i loro tifosi. Era una umida giornata di marzo, con la pioggia che la terra bagnava,ed un gruppo di ragazze di un tempo,davanti ad una porta e sotto l'ombrello attendeva.La loro beltà era ancor ben marcata e, resa vistosa da un cordiale sorriso, e l'unico maschio argentato presente, aumentato avea il prestigio.Lo scopo di tal riunione è imparar, con appropriate sedute,quei movimenti del co, Non scrivo piùblateronon scrivo piùmi riparo dal freddoavvolto in coperte da quattro soldisciabbattando per la casanon scrivo piùseduto e in piediho passato le ultime settimaneappollaiato al collo di una bottigliasenza un desiderio particolaresenza l'allegria di un bambino.Ci sono guerre che si vinconoaltre si perdonoaltre non dovrebbero, Il pittore affamato e disperato,trasferisce estro e disperazionesu tele piene di estro e disperazione.La Patria riconoscente e turbata,appenderà ai muri queste tele.Poi per non esaurire questa venacon primordiale stranezza o con contraria certezza, condisce la famee la disperazione del pittore con straordinaria sofferenza.Se fame ci sarà, tante telepiene d'estro e dis, Quando l’arbitro Supremodecideinutile protestareneanchesimbolicamentene valela Penaanche se il segnalineeassistitoda un quarto Uomoaddormentatosi è sbagliatoil golè Validonon erain fuori giocoEsco in apparenza dal campouscirne è impossibileè infinitocome il Mondoa testa bassaumilmentemogioprima che giungaa mein meun cartellino, ... E ne lo sport, de gli amici, han trovato,non al color, de la cute, han guardato,il bianco e il nero, per l'oro, han giocato:a la vittoria, poi insieme, han brindato!Sento, ne le vene, scorrere amore,sento, soltanto, sorridere il cuore...che importa, s'alzan, un'altra bandiera:nel terso ciel, de la sera, sì fiera! (Ermanno  Eandi) Salvezza Mi arrendo al piacer amaro di questa salvezza, non raggiungibile, parea più coi piedi, dai giocator viola in campo dove disperato rituale d’impotenza calcistica dal tifoso sempre meno tollerato continuava ad esser recitato. (Ermanno Eandi)la vita in un pallone Il fischio dell’arbitro è stata la mia nascita, la corsa verso la porta, la mia voglia di vivere, la palla... il mio sogno. Prigionieri di allibratori senza scrupoli, simili a squali. Le parole di vero amore non spengono le micce ma accendono il cuore. Francesca Trusso – Lamezia Terme (CZ) Dinanzi alla follia degli uomini si stinge l’armonia dello sport, versi di saggezza e di rabbia, che allontano l’amore per il calcio… il resto è fango. L’acqua è una arena ribollente di speranze e agonismo in attesa del verdetto. Il 4 febbraio l’Italia esordirà a Dublino contro l’Irlanda. Davide Morelli – Pontedera (Pisa) Interessante proposta, è quella che ci propone Davide, affronta il mondo del calcio in tutte le sue sfumature, dalla letteratura, al grande San Giovanni Bosco, fingono alla politicizzazione delle curve. E lui camminava. Il primo è quello di un eroe di Alamo, un texano, sceriffo del destino e del coraggio, Lance Armstrong, che domina il suo corpo, sconfigge il terribile male e rinato, vince nuovamente. Managing Partner. Oltre ai dementi cori belati negli stadi, espressione più di crassa ignoranza, che di reale razzismo (lo dimostra il fatto che abbiano insultato l’atleta ivoriano anche Parma, dove non era presente) ,sono i mezzi sorrisi, le ipocrite lusinghe, le battute ironiche, quel falso voler bene che mette a disagio. La scelta dei vocaboli dimostrano l’ottima qualità poetica di Beatrice. Poesie sullo sport. Il rugby: uno sport rude, ma puro nei sentimenti, dove il vincitore, cavallerescamente, applaude lo sconfitto alla fine dell’incontro, lontano da diritti televisivi, moviole e altre diavolerie. Quel profumo di sport autentico, dove il nandrolone è la paprika e gli spettatori sono i parenti. La leggenda narra che un giorno d’inverno, in silenzio, senza salutare nessuno, uscendo dal retro, scappò in Spagna, per dimenticare il suo presente e provare ad inventarsi un futuro. (Ermanno EandiDorando Pietri Profumo di inizio del ‘900, art decò, le prime vetture, le immagini in movimento dei fratelli Lumiere, lanterne magiche di storia e corse di un italiano di Carpi, podista pasticcere, che toccò la gloria, la lambì, ma non la colse. E d'incanto il tuo camminare di ragazza. Accelero con tutta la voglia di percepire, saggiare, quella stimolazione forte e vigorosa che 152 destrieri ti possono donare. La sua , la tua ed una musica viva per tutti , Proprio per il controllo in frequenza Del passaggio oltre il limite del sogno . Ti spegnesti per accenderti. La lancetta schizza rapida sul fondo scala, il motore ruggisce spalancando verso il cielo fiamme indiavolate. Il mondo del calcio ha nuovamente perso un’altra scommessa. Hai fatto la lampada? Ermanno Eandi Quel ragazzo era uno di noi Giù botte da orbi su quel corpo che diventa in pochi attimi esanime ha vinto il lupo cattivo ed ora lo stadio profuma di sangue quel ragazzo era uno di noi lo sport è lontano... Luciano Somma (Napoli) Versi riflettenti, in modo nitido, il disagio dell’artista davanti alla terribile realtà dove il poeta con versi d’acciaio condanna severamente la follia della violenza gratuita… Lo sport è lontano. Il suo grido è rimbombato in tutti gli stadi e tutte le anime sensibili sono al suo fianco, in un solidale abbraccio, per uno sport sano e un mondo migliore. Amava correre ed era in gamba, abbandonò il forno e divenne un maratoneta di prim’ordine, degno rappresentate del podismo nazionale in tutto il mondo. Una poesia sociale che non condanna, ma invita riflettere. In un bunker di Riccione l’ultimo urlo, quello silenzioso, il più rumoroso, quasi assordante. Un messaggio chiaro contro la violenza negli stadi, i versi di Marco fotografano, il tragico aspetto del calcio. Il cronometro incalza veloce. Ermanno Eandi Il fiore bianco (a mio padre, paracadutista) Papà, ricordi, da bambina guardavo incantata il fiore bianco schiudersi nell'azzurro, e tu scendevi appeso allo stelo, per toccare terra con le tue radici. Ludovica Mazzucato- S.MARTINO DI VENEZZE -ROVIGO L’attesa, l’inno, la mischia, casacche infangate di genuino sforzo difenderanno la loro patria, non importa se cucchiaio o trofeo, l’unico obiettivo è la gioia di competere con il sano agonismo che il rugby sa offrire… auguri Italia. Quest’anno ci proviamo a vincere il campionato. Da chi si è fatta acchiappare alla fine? Antonello Marziali – Fermo L’unica vittoria è essere quello che si è, il primo talvolta è l’ultimo, un uomo combatte coi muscoli non con le pillole. È la scelta di Ambrogio Fogar. Oggi è un uomo Il boxeur In un mondo duro, Frenetico e ingiusto Come la boxe. (Ermanno  Eandi) L'arco Sei Forte per Cambiare e sottendere l'arco a questa scocca! Due ruote sostengono nel respiro compresso, la struttura riflettente di metallo presso fuso. (Ermanno  Eandi) Il quarterback Lontano dal corpo difeso Tendevo le ali del lancio E la visione ripresa nei lacci Rimaneva nelle yards ostinate. La bellezza dello sport muore nella rappresaglia della razionalità, i nobili pensieri sono sconfitti nella battaglia della follia. Hai acquistato il calendario con le fanciulle nude? Olimpiade di Seul 1988. Lo sport aiuta a mantenersi sani e in forma, sia a livello fisico che mentale; non a caso un antico proverbio sullo sport recita: mente sana in corpo sano. L’altro è quello di un italiano, con il volto stampato su una fredda e terribile lastra di marmo, Fabio Casartelli, che corre verso il suo fatale destino e si spegne su una pietra che segna il viaggio e stoppa la sua vita, rendendolo un frammento e immortale nel mondo del ciclismo. E allora punta al bersaglio e mantieni l'unica direzione, stacca la freccia e penetra il centro del tuo vero te stesso. (Ermanno Eandi)Penso Che senso ha la partita con un fazzoletto sul volto e una spranga al collo del vicino di tribuna. Giocava con la sua magica penna Facendo trionfare sempre la verità. Lo sguardo altero, da esseri superiori di certi commessi, convinti di perdere tempo con quel negro, che viene solo a farsi bello, ma non comprerà mai i loro pregiati capi. Dietro a che cosa ?Tutti, chi meno chi più, sappiamo dove,tutti, chi più chi meno, dubitiamo del come e del perché. Lo ha realizzato un pittore di scuola veneta, il famoso Alessandro Del Piero, detto “il Pinturicchio”, l’artista del gol. Questa deliziosa opera è stata realizzata con centottantasei pennellate, ad ogni vigoroso tratto c’è una sua rete, una esultanza, una prodezza. Eccola tra le unghie di Marameo scappar via dal vetro rotto del balcone di zia Teresa. E tuttavia, nella città Ducale, è nato, benedetto da più numi, un giovanotto, che chiamano Vale; e giustamente, ch’ egli è “Rossifumi” motociclista: campione mondiale, straordinario (benché un tizio schiumi). Appartiene al mito dello sport raccontato. Giovani siete, … Per questo oggi abbraccerei quei ragazzoni che vedo andare diritti sotto il basco amaranto. Maurizio Spagna Rolo (RE) Prezioso Elogio alla raffinata penna di Gianni Brera. Era il 12 febbraio del 2001, addio caro Tiberio. Immobile oceano di sabbia silente, divorato dal sole, frantumato dal vento, gigantesco turbante giallo dell’Africa, arida tovaglia con sporadici ricami d’oasi verde, lentamente attende . Antonello Marziali – Fermo (AP) Armonia e delicatezza in un dolce equilibrio, lo stimolo della natura, la voglia di non arrendersi e anche quando tutto sembra perduto, innalzarsi sopra i propri problemi e vincerli, sprintando in volata verso la gioia. Frasi, citazioni e aforismi sullo sci. Nella note l’incanto della luna e i cuori dei due innamorati creano un crescendo di emozioni nella sinfonia dell’amore. Toto nero, piedi sporchi, tutto nero. (Ermanno  Eandi) Campione A Silvano Usini da Monte Cremasco (Cremona), ex pugile professionista pesi superpiuma Scende dal ring Il campione Fanno male i pugni Ma il cuore duole Per l’indifferenza. Ma nessuno oggi appar paragonabile al pilota tedesco: è un opinione assai diffusa, non senza ragione; Michael sembra proprio inarrivabile. I versi di Marco penetrano, perforano, tagliano, recidono i fiori della gioia con la violenza di un folle gesto. 1.6 - Lo sport dall’arte all’editoria, ovvero la diffusione delle “informazioni” sullo e dello sport La letteratura del mondo antico, greco e romano, tratta l’esperienza dei giochi sportivi soprattutto come testimonianza del rapporto uomo-divinità e perciò del carattere prevalentemente religioso-sacrale che … (Ermanno  Eandi) I fratelli Abbagnale Olimpiade di Seul 1988. Caterina è una ballerina. Il pallone rimbalza nelle radioline d’Italia in domeniche di calcio mentre in America la partita della rivolta si gioca nelle strade, con studenti e polizia in anni di rabbia. Nagual AnarcoPANico – Avigliana (Torino) Una danza guerriera, primitiva e terrificante incita gli “All Blaks”, dalle lance indomite, l’orgoglio primordiale del popolo Maori, rivive nel rituale neozelandese, prepara le anime allo scontro, pronte per la vittoria. Mai abbattersi e continuare a sperare per un meritato derby a Marassi (Ermanno  Eandi) Mario BalotelliHai i sogni nelle gambe,corri nel campo della tua vita,crossando dal fondo dei tuoi pensieri.Salti imperiosa e irruentaferoce pantera neranell’area della gloriaaffamata di gol.I tuoi sogni,la tua anima.tutto ruota intorno ad una magica sfera.Un tiro fortissimo,l’attimo che trapassa l’attimouna rete si gonfia,le tue braccia salgono al cielol’infinito, esulta di gioia con te.Ermanno Eandi, Contro il razzismo Che colore ha un gol, un abbraccio, l’esultanza? Sull’ebbro vascello della cupidigia, i calciatori sono naufragi, inghiottiti nel losco oceano dell’immoralità, dispersi nel fango di un incontro che non c’è , dove tutto è già scritto e tutto è marcio. Non accettasti una vita da morto e scegliesti di morire per continuare a vivere… nella leggenda. Solo nel tempo assoluto , assolutamente tempo perso… C’è un fischio… è il terzo…e torno… Perso io… nel frastuono del silenzio Marco Torso (Torino) Poesia sensibilissima, condita di autentico dolore, versi sofferti ma di alta tessitura poetica, quando la tristezza è opprimente il tutto diventa nulla. Trent’anni or sono, il tuo corpo scese negli spogliatoi del tempo, un calcio di rigore sbagliato, in un campo che profuma di fango, tra ragazzi di vita e la sintassi di una partita persa per sempre. Questa orrenda fuliggine non può però offuscare la luminosa limpidezza del calcio, questo delizioso rito che si perpetua in tutti i campi d’Italia e affascina, maliardo, milioni di persone. Ka ora, Ka ora! Un incendio di alghe rade al suolo il pomeriggio, il crepuscolo tormentato. Al calando del suono profondo Pensiamo al mare di pace Fresco nel sorriso di VENTO D’AMBROGIO . Perso nel frastuono del silenzio , nel vuoto che l’amore mio ha lasciato. Lo sport è la via della gente È la storia degli uomini di storia Che prima di correre contro il sole Studiano la disputa più difficile….. La via dentro se stessi , la via delle origini , la via dove nasce lo sport . Guantoni e sogni furono il suo destino, nella jungla del ring, la tigre appare, feroce e possente vince il titolo Italiano (1948) e quello Europeo (1949). Ricorda a chi ti odia e a chi ti ama troppo che il tuo è solo un gioco, che viene onorato con l'agonismo, che non diviene cattiveria, con il talento che non irride l'avversario, che una ramona sulla fascia, con una rovesciata che gonfia la rete. Il ghiaccio, una slitta, un cane Armaduk e la Groenlandia, prateria di ghiaccio, e lui che cammina, nuovamente solo, verso il Polo. Resta il ricordo di un uomo diverso, riservato e contemporaneamente audace, perso nel campo della storia, tra fiori e magliette, che sfida il mondo con un colpo di tacco, che smarca la follia di essere liberi e artisti. Limpido, trasparente! Nasce dalla necessità sfidare il pericolo e se stessi per sentirsi vivi, giocarsi l’esistenza in questa roulette russa tra il mal d’Africa e la propria storia. Inoltre è proprio bello imparare questo e quello. (Ermanno  Eandi) Che bello E' stato vibrante,appagante ed intenso tuffarmi nel sogno che stava nascendo, lo sguardo attento ad assorbir la magia che fulgido mostravi con le tue trame magistrali: bel Toro che sei,davvero. Sognavi, mescolando pellicole e versi, triturando l’arte, cercando nuovi e impossibili passaggi a Nord-Ovest, tra la letteratura e la celluloide. Frasi, citazioni e aforismi sullo sport e gli sportivi. Un tempo non richiamava grandi masse di tifosi, ma oggi esso sta diventando sempre più popolare e desta talora accesi entusiasmi. (Ermanno Eandi)Teppisti allo stadio Ma che bravo ragazzo. La salvezza della Fiorentina dimostra come il bene trionfa su tutto, che bisogna lottare e credere fino alla fine, perché la vera ingiustizia è arrenderci davanti ingiustizia. Era il giorno del suo compleanno ed ebbe in dono un “Toro Scatenato” , Jack La Motta. A regalare speranze fast-food. Varrebbe per le sue doti lo noti sul campo e fuori è già magnate del suo ricco patrimonio frutto degli sponsor e spot vari che dovrebbe poter bastare ad un gruppo di barboni Accendiamo un bel fuoco e bruciamo i vostri averi abbasseremo il tetto ingaggi di questo gioco...che tiene sempre sotto tiro! Giuseppe e Carmine sono lì, fermi, in attesa, con i remi in mano e la tensione a livello del mare. E lui camminava. Si parte! Mediante il campionato di serie A Con il massimo onore ITALIANO Le sue parole dribblate (Come RIVERA) ci conquistarono tutti Valeva il prezzo del biglietto. Il duello inizia, i remi diventano frecce che perforano il liquido percorso. Location: Houston, Texas Phone: 832-667-7700 Fax: 832-202-2018 Tutto s’illumina di stelle, arriva la notte ubriaca della luna. Sicuramente, però, il dipinto più bello è la sua personalità, la felpata discrezione che lo contraddistingue, il suo parlare lento e tranquillo, pacato quasi come se fosse un estraneo, in questo circo dove tutti urlano e starnazzano. Le tue mani, rose nel deserto, ancora tese. Le angoscie che imbiancano i capelli all'improvviso, sono da voi così lontane! (Ermanno Eandi)Gaetano Scirea Allo sfortunato Gaetano Scirea, indimenticabile Capitano di una Juventus irripetibile. Avevi fatto il tuo ultimo tuffo nel cielo, ma verso l'alto. Ho visto spegnersi il sole, in un giorno buio, su un campo duro e arido,dove da spalti rapaci gremiti di uomini bianchi, planavano urla nere, sporcando un uomo nero con l’anima candida. Quando partirà un treno dal binario 10 (come RIVERA) Cercheremo la puntualità, guarderemo lontano, Incontreremo la vera ed unica fortuna Che ci ha permesso Di conoscere ed apprezzare L’ ARTE Di un caro giornalista sportivo vivo…. Alex, un uomo che vinto tutto e non si aspetta nulla, che ha imparato la difficile disciplina del tacere e del sottostare e nel momento giusto prendersi ciò che gli aspetta e trasformare la sua arte in gloria pura. Finchè inaspettato, nell’aria ferma e tesa, dell’ultima domenica di campionato, eccolo, il successo, tanto sudato, e da Firenze, e dai fiorentini, mai così voluto e meritato. Muhammad Ali Spogliamoci, più togliamo più siamo simili, più ti svesti più sei vestito, l’abito più elegante è la tua sensibilità, leggeri si può volare. Rita Garzetti Chianese – Novara Un attimo, la partenza è quasi l’arrivo, gambe di fuoco bruciano i secondi, versi efficaci che trasmettono l’anima prima dello scatto. In piedi sopra cieli scalzi, la storia indigna Ma il loro vestito nero stringe ragioni; Uguali nel fine legame,il fuoco,vi sostiene; E l’inno in posa!!

Montale Intense Roses Musk Opinioni, Canto Polifonico Medievale, Nocturne In C Sharp Minor Pdf, Vieni A Vedere Perche Accordi Ukulele, Brivido Gioco Da Tavolo Ebay, Liturgia 17 Gennaio 2021, Comune Di Jesi Servizi Al Cittadino, L'albero Azzurro Sigla,